Tesoro

Tesoro

Nel 1900 grazie al Cardinale Sancha, per garantire una maggiore sicurezza e custodia, fu adibita la sala del Tesoro sotto alla torre. Nelle sue vetrine si trovano alcune tra le principali opere di oreficeria della Cattedrale. Sopra di loro, i dipinti per i cartoni degli arazzi che successivamente sarebbero stati elaborati nella manifatturiera di Santa Barbara nel 1750. Quello che più risalta del Tesoro è la grandiosa Custodia Processionale, commissionata dal Cardinale Cisneros a Enrique de Arfe nel 1515, che al suo centro accoglie l’Ostensorio. Questa fu impreziosita dal Cardinale Cisneros con l’eredità della Regina Isabella la Cattolica e in base alle credenze fu realizzata con il primo oro che arrivò dall’America. Enrique de Arfe concluse questa custodia secondo i modelli delle torri delle Cattedrali Gotiche e della custodia centrale del retablo maggiore. Misura 2,50 metri di altezza, suddivisa in tre corpi. E’ composta da 5.600 pezzi uniti da 12.500 viti, inoltre contiene 250 statuine di smalto e argento dorato. E’ coronata da una Croce di diamanti realizzata nel 1600 e da una pedana d’argento del secolo xvii donata dal Cardinale-infante Luis Antonio de Borbón.

Tra le opere d’arte di questo Tesoro possiamo contemplare, la Bibbia di San Luigi della scuola reale francese, che fu regalata nel 1258 ad Alfonso X ed altre opere importanti d’oreficeria che si possono ammirare nelle sue vetrine.