Biografia del Signor Arcivescovo Primate

Don Braulio Rodríguez Plaza

Arcivescovo di Toledo
Primate di Spagna


Don Braulio Rodríguez Plaza nacque ad Aldea del Fresno (Madrid) il 27 gennaio 1944, settimo di una famiglia di nove fratelli. Dal 1960 frequentò i Seminari Minore e Maggiore di Madrid, dove portò a termine studi umanistici, filosofici e teologici. Nel 1973 conseguì la Laurea in Teologia Biblica presso l’Università Pontificia de Comillas. Dopo due anni di studio (1979-81) presso la Scuola Biblica di Gerusalemme si diplomò in Sacre Scritture e nel 1990 conseguì il titolo di Dottore in Teologia Biblica presso la facoltà di Teologia del Norte, con sede a Burgos, presentando una tesi dottorale intitolata «Il processo di Gesù dinnanzi il Sinedrio e la catechesi cristiana primitiva». Possiede vaste conoscenze nei campi biblici, liturgici e pastorale familiare.

Da quando fu ordinato sacerdote di Madrid, il 3 aprile 1972, dal Cardinale Vicente Enrique y Tarancón, servì la diocesi per 15 anni nelle parrocchie di Cubas de la Sagra (economo curato, 1972-77), San Miguel en Carabanchel (vicario parrocchiale, 1977-79, dove avviò la scuola di catechisti) e San Fulgencio (economo curato, 1981-84). Fu inoltre cappellano della famosa Ermita de San Isidro. Tra il 1984 e il 1987 fu membro del Gruppo di Formatori del Seminario Diocesano di Madrid, aiutando numerosi giovani nel loro cammino verso il sacerdozio, e fondò la segreteria della rivista Estudios Bíblicos.

In questa occasione fu nominato vescovo di Osma-Soria il 13 novembre 1987 e fu ordinato il 20 dicembre. Rimase in questa diocesi fino alla nomina a vescovo di Salamanca avvenuta il 12 maggio 1995, dove si insediò il 9 luglio. Durante i sette anni trascorsi a Salamanca, diede inizio alla ristrutturazione dell'antico Seminario Calatrava come Casa de la Iglesia, suddivise le parrocchie in 13 aree pastorali, nominò diversi delegati laici, creò la Escuela Diocesana de Animadores Cristianos e rese partecipe la diocesi di eventi quali il Giubileo del 2000 e Salamanca capitale culturale nel 2002, con mostre, festival e incontri, dimostrando sempre un atteggiamento di umanità e vicinanza.

All’interno della Conferenza Episcopale Spagnola fu membro delle commissioni episcopali di Liturgia (1987-96 e dal 2005), Dottrina della Fede (1987-90) e Apostolato Secolare (1990-99), presidiando la Subcommissione di Famiglia e Vita (1996-99) e la Commissione di Apostolato Secolare (1999-2005). Tramite nomina della Conferenza Episcopale è Vice-Gran Cancelliere dell’Università Pontificia di Salamanca dal 1995.

Il 28 agosto 2002 fu resa pubblica dal Santo Padre la sua nomina a 13° Arcivescovo Metropolitano e 39° vescovo di Valladolid. Si insediò il 13 ottobre dello stesso anno e il 29 giugno del 2003 ricevette a Roma il pallio dall’allora Papa Giovanni Paolo II.

Il 16 aprile 2009 Benedetto XVI lo nominò Arcivescovo eletto di Toledo, al posto del Signor Cardinale Antonio Cañizares Llovera, e si insediò nella Sede il 21 giugno 2009. È Arcivescovo 120 nella successione apostolica dei Pastori che hanno presieduto l'arcidiocesi primate.